TrasparenzaCom’è previsto dal regolamento, la Camera dei Deputati eroga € 4.900 ad ogni deputato facente parte di un partito politico o di un movimento. Alternativa Libera, in qualità di componente del Gruppo Misto, percepisce € 2.500 per ogni singolo parlamentare.

Queste cifre vengono stanziate ed impiegate per il pagamento degli stipendi dello staff (comunicazione, legislativo e segreteria), oltreché per le spese di gestione ed amministrazione.

Al fine di garantire il principio fondante della trasparenza, Alternativa Libera redigerà e pubblicherà con cadenza annuale (al termine dell’anno solare) i resoconti delle spese di gestione.

Coerentemente con gli impegni presi durante la candidatura alla Camera dei Deputati, i parlamentari di Alternativa Libera si autoriducono lo stipendio, restituendone una parte alla collettività attraverso iniziative virtuose.

In base alle esperienze maturate nel corso della legislatura, è stato deciso di utilizzare un metodo forfettario, che ha il vantaggio di essere molto snello e di concentrare tutto il tempo e le energie (di deputati e collaboratori) sulle attività parlamentari, invece che sugli scontrini.

Per quantificare la quota forfettaria da restituire, ci siamo basati sullo storico delle spese sostenute fino ad oggi e, facendo una media tra i mesi pregressi e tra i vari deputati, abbiamo stabilito la cifra “forfettaria” di € 2.000 mensili, che è leggermente superiore a quanto restituito mediamente fino ad oggi dai singoli deputati.

Le quote sono raccolte in un fondo ed impiegate per finanziare progetti con concrete finalità sociali. Questi, di volta in volta, vengono scelti e calibrati grazie a sondaggi ed alla partecipazione spontanea della rete.

Condividi