Ecco Alternativa Libera Terranuova Bracciolini. Il presidente Tofanelli: “Fallito il progetto M5S, non le idee. Qui le condizioni per realizzarle”

terranuova-bracciolini-alAncora Toscana. È la volta di Terranuova Bracciolini in provincia di Arezzo. A raccontarci il loro percorso è il presidente Danilo Tofanelli.

Possiamo proprio partire dalla parola “percorso” o più precisamente “Percorso Comune” ovvero un gruppo politico a cui abbiamo dato vita assieme ad altri consiglieri comunali di altri paesi della nostra zona, all’indomani della assurda espulsione di Massimo Artini. In questo gruppo è poi confluito il consigliere comunale Marco Bonaccini eletto a Terranuova nelle fila del Movimento 5 Stelle.

Quindi la vostra azione politica non si è mai interrotta?

Assolutamente. Anzi, è proseguita con la serenità di chi si sente libero, portando avanti quei progetti che avevamo proposto in campagna elettorale ascoltando le richieste dei cittadini, convinti che le idee non fossero di proprietà di un marchio.

Da tempo, tante cose non ci tornavano più ma l’episodio che ha determinato l’espulsione di Massimo Artini, ha rappresentato la “goccia che ha fatto traboccare il vaso” e di conseguenza non potevamo che uscire da ciò che non ci rappresentava più.

Dunque, siete ripartiti da zero?

No. È fallito il progetto del Movimento 5 Stelle, non i suoi ideali che continuiamo a portarci dentro e che sono alla base del nostro impegno. Non siamo ripartiti da zero anche perché, in questi due anni, Alternativa Libera ha creato le condizioni per una democrazia partecipata tramite la piattaforma Sinapsi.

È la speranza per giovani che non accettano una politica calata dall’alto?

In Alternativa Libera ho, assieme al gruppo di Terranuova Bracciolini, la possibilità di contribuire a costruire l’organizzazione e la linea politica di un movimento nazionale partecipando alla discussione su tutti i temi che saranno scelti da tutti gli associati e che termineranno con un voto certificato. Credo che in Italia sia la prima volta in cui delle persone comuni possano confrontarsi basandosi sulla volontà e potenzialità di ogni individuo. Più democrazia di questa…

Grazie Danilo!

 

Condividi

Aggiungi un commento