Bechis: “Mancanza di chiarezza dal governo sulle finalità del Fondo per le adozioni internazionali”

BoschiQuando nel 2007 venne istituito il Fondo per le politiche della famiglia era stato previsto inizialmente che una parte di esso fosse utilizzata anche per il sostegno alle adozioni internazionali mentre adesso questo scopo dovrebbe essere assolto dal Fondo ad hoc istituito assieme alla Commissione per le Adozioni Internazionali presso la Presidenza del Consiglio.

Questo Fondo per le adozioni internazionali, fino a poco tempo fa, aveva come unica finalità il rimborso delle spese sostenute dai genitori adottivi per l’espletamento della procedura di adozione del minore straniero, mentre ora sembra destinato a finanziare il funzionamento della Commissione, che rappresenta l’autorità centrale in materia di adozioni internazionali nel nostro Paese, e per un generico sostegno alle adozioni.

Vista l’assoluta mancanza di chiarezza sulle finalità del Fondo per le adozioni internazionali chiediamo al ministro se può garantire che esso mantenga ancora tra le sue finalità il rimborso delle spese sostenute dai genitori adottivi per l’espletamento della procedura di adozione del minore straniero.

Oggi, pur ottenendo un minimo di chiarezza sulle destinazioni del Fondo per le adozioni internazionali, apprendiamo dalla voce del ministro che il governo non intende veramente sostenere i genitori che sono alle prese con le procedure di adozione del minore straniero. Secondo stime prudenziali i costi per l’adozione internazionale variano tra i 15.000 e i 30.000 euro. Oltre ai costi prefissati dall’ente autorizzato, infatti, bisogna mettere in conto quelli per le pratiche all’estero, molto variabili e le spese necessarie per trasferimento, vitto e alloggio nel Paese estero.

Va sottolineato che in alcune nazioni i tempi di permanenza richiesti ai genitori possono essere piuttosto lunghi e tali da creare non pochi problemi, in termini di esborso economico e di assenza dal posto di lavoro, complicando ulteriormente la situazione.

Condividi

Aggiungi un commento