CONSIP, Alternativa Libera: La Camera proroga gli appalti mentre la Procura contesta la turbativa d’asta

“Mentre la Procura della Repubblica di Roma notifica l’avviso di chiusura indagine a sei tra titolari e responsabili legali delle società Consorzio Nazionale Servizi, Manutencoop e Roma Multiservizi S.p.A., per la costituzione di un cartello volto alla spartizione del mega-appalto CONSIP da 1,6 miliardi per i servizi di pulizia negli istituti scolastici, la Camera dei Deputati si accinge a convertire con la manovrina l’ennesima e illegittima proroga dell’affidamento di quei servizi.

Noi di Alternativa Libera abbiamo segnalato più volte e fin dall’inizio all’Autorità Anticorruzione quanto stava avvenendo e il reiterarsi, in questi anni, delle proroghe degli affidamenti a società già sanzionate dall’Antitrust.

Abbiamo scritto al Procuratore della Repubblica di Roma, Giuseppe Pignatone, informandolo della situazione; in qualità di legislatori abbiamo più volte tentato di bloccare questo scempio e, nonostante la maggioranza abbia sempre respinto le nostre proposte, ci riproviamo anche questa volta.

Abbiamo, infatti, presentato due emendamenti per bloccare il meccanismo delle proroghe e superare il problema occupazionale, consentendo alle scuole di contrattualizzare direttamente i lavoratori che svolgono le pulizie, in modo da salvaguardare i livelli occupazionali e avviare un percorso per la loro stabilizzazione.

Adesso ci auguriamo che le altre forze politiche, in primis il Partito democratico, la smettano di giocare con la parola legalità e ci diano ascolto.

Lo affermano i deputati di Alternativa Libera: Massimo Artini, Marco Baldassarre, Eleonora Bechis, Samuele Segoni e Tancredi Turco.

Condividi

Aggiungi un commento