Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in C:\inetpub\wwwsites\www.alternativalibera.org\web\wp-content\plugins\siteorigin-panels\inc\styles-admin.php on line 390 Esodati, Rizzetto: “Fondi ci sono, ma manca volontà politica”

Esodati, Rizzetto: “I fondi ci sono, ma manca la volontà politica”

ESODATI:CAMUSSO,PRONTI ANCHE A SCIOPERO,MONTI RESPONSABILE“In Commissione è stata approvata la proposta di legge 224, in questo senso sia la Ragioneria dello Stato che l’INPS hanno finalmente reso noti i numeri, per cui la riforma Fornero ha prodotto un risparmio di 67 miliardi.

La stessa Ragioneria e lo stesso INPS, mesi fa, ci hanno comunicato che per risolvere il problema degli esodati, senza salvaguardie che sono una lotteria, ne servono 47. Le risorse, dunque, ci sono, quella che manca è la volontà politica”.

Così Walter Rizzetto, deputato di Alternativa Libera e vice-presidente della Commissione Lavoro, intervenendo al programma Radio Anch’io, in onda questa mattina. Secondo Rizzetto “Non esistono solo gli esodati ma anche gli esuberati, che sono ancora più discriminati, perché non hanno alcun incentivo.

In  Commissione stiamo discutendo alcune proposte, rispetto alla ‘quota 100’ e alla pensione anticipata a 62 anni di età e 35 anni di contributi, ma non sono realistiche, perché il governo vorrà metterci il cappello e quindi, fino alla legge di stabilità, non toccheremo palla. Ho ascoltato il presidente Boeri che parla di una sorta di reddito minimo per coloro che devono essere accompagnati alla pensione, con una copertura finanziaria di un miliardo e mezzo di euro. Si tratta di risorse non sufficienti, qualora venissero trovate.

Ed anche la proposta maggiormente paventata non convince, cioè quella della pensione anticipata con penalizzazione. Tutto questo è figlio della scellerata legge Fornero, imposta dall’Unione Europea, la stessa UE che oggi ci obbliga a non toccarla. Una riforma che uccide le pensioni, soprattutto dei più giovani, laddove per giovani intendiamo persone tra i 45 e 55 anni che, negli ultimi 15-20 anni, si sono dovuti barcamenare con un’occupazione discontinua e mal pagata”.

Clicca qui per ascoltare l’audio (dal minuto 53:45)

Condividi

Aggiungi un commento