ISTAT, Rizzetto: “I dati rischiano di essere un ‘metadone’ per l’occupazione”

LavoroI dati ISTAT sembrano sufficientemente confortanti. Utilizzo il verbo sembrare perché, purtroppo, temo possano essere una sorta di ‘metadone’ temporaneo per la ripresa dell’occupazione. Sarebbe importante stabilizzare i posti di lavoro per più di 36 mesi e agire immediatamente con misure efficaci rispetto alla domanda produttiva.

Gli incentivi, anche sostanziosi, possono incidere ben poco se mancano commesse e domanda a monte degli sgravi. Se non c’è richiesta di attività produttiva, non si crea lavoro, anche a tasse zero sull’occupazione.

Sarebbe infine fondamentale controllare che le imprese non licenzino, magari spacchettando l’asset aziendale, per poter riassumere con un contratto evidentemente più vantaggioso quale il contratto a tutele crescenti”.

Lo afferma in una nota il deputato di Alternativa Libera e vicepresidente della Commissione Lavoro, Walter Rizzetto.

Condividi

Aggiungi un commento