Legge elettorale, Alternativa Libera: L’accordo M5S-PD-FI-Lega tradisce dieci anni di promesse di Grillo agli italiani

“Per la prima volta in vita sua il MoVimento 5 Stelle ha fatto un accordo politico con il Partito Democratico di Renzi, Forza Italia e con la Lega, e il risultato è una legge elettorale che va contro a tutte le promesse fatte da Beppe Grillo agli italiani dal 2007.

Il Movimento è nato intorno a una proposta di legge chiamata Parlamento Pulito, i cui principi cardine erano: divieto di candidatura per i parlamentari condannati con sentenze non definitive, limite di due mandati per gli eletti e introduzione delle preferenze. Tale proposta fu sottoscritta da 350.000 italiani, mentre la base dell’accordo porcata fatto da Di Maio e soci con PD e Forza Italia è stato votato sul sito di Grillo da 27.000 persone, cioè meno dell’8% di quanti firmarono per Parlamento Pulito nel 2007.

Da oggi i nostri ex colleghi del Cinque Stelle non potranno più usare l’onestà come un vessillo, visto che con l’accordo stretto con Renzi, Berlusconi e Salvini sulla legge elettorale, hanno abdicato all’idea di avere un Parlamento senza condannati e senza nominati.

Dopo le espulsioni, la creazione del direttorio, la scomparsa dello streaming e l’annullamento delle votazioni per la scelta del candidato sindaco a Genova, oggi il Movimento ha terminato la sua metamorfosi in qualcosa che è una summa dei peggiori vizi di tutti gli altri partiti.

Ma visto che si tratta di un accordo stretto da pochi fedelissimi di Casaleggio con gli altri partiti e non condiviso da buona parte dei parlamentari Cinque Stelle, noi chiederemo che in aula si voti la legge elettorale a scrutinio segreto, per consentire a quanti sono in disaccordo ma temono le rappresaglie, di esprimere liberamente il proprio convincimento”.

Lo affermano i deputati di Alternativa Libera: Massimo Artini, Marco Baldassarre, Eleonora Bechis, Samuele Segoni e Tancredi Turco.

Condividi

Aggiungi un commento