Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in C:\inetpub\wwwsites\www.alternativalibera.org\web\wp-content\plugins\siteorigin-panels\inc\styles-admin.php on line 390 Lettera aperta a eletti e attivisti del MoVimento 5 Stelle - Alternativa Libera

Lettera aperta a eletti e attivisti del MoVimento 5 Stelle

PennaA chi soffre in silenzio.

Non mentite a voi stessi e non nascondetevi dietro a un dito. Ormai è sempre più evidente che la splendida idea che ci aveva scrollato dal torpore, ci aveva unito e convinto ad impegnarci in prima persona non verrà mai messa in pratica.

Vi vediamo sempre più imbarazzati in questa situazione che vi spinge verso uno di due estremi parimenti terribili: lì dove siete o ci si adegua al branco, si china il capo e si va avanti a testa bassa oppure ci si relega in un angolino, auto-ripiegandosi sul proprio piccolo ambito di lavoro che in sordina si continua a portare avanti, spesso in maniera egregia.

Eravamo partiti tutti con entusiasmo per cambiare l’Italia, siete finiti a scrollare le spalle, a minimizzare, a far finta che quello che non condividete non vi riguardi. Invece siete coinvolti. Volenti o nolenti, abbiamo tutti un marchio addosso.

C’è chi ha rinunciato ai vecchi ideali per mantenere la fedeltà al simbolo e chi invece ha rinunciato al simbolo per mantenere la fedeltà agli ideali. Non esiste terza possibilità: in questo mondo infame ci hanno costretto comunque a tradire qualcosa. Quindi è una questione di priorità, e di dare risposte a tre semplici domande: cosa conta di più per voi? Da cosa è fatta la politica? È fatta dal marketing o dagli ideali?

Una volta usciti si sta meglio, si è più leggeri e più liberi. Non ci sono più rospi da ingoiare, non bisogna più arrampicarsi sugli specchi per giustificare errori non nostri, si è più liberi di agire e di costruire il progetto che avevamo immaginato all’inizio, magari anche di sbagliare, avendo la capacità di acquisire nuova consapevolezza e forza dagli errori.

Noi ci stiamo faticosamente provando: abbiamo messo da parte il risentimento e la frustrazione (che pure abbondavano) stiamo tentando di costruire un nuovo movimento, correggendo gli errori riscontrati, salvando i principi buoni, affinando alcuni aspetti in base a quello che con l’esperienza diretta abbiamo imparato in questi anni vissuti attivamente in Parlamento e sui territori.

Insomma: ecco quello che secondo noi sarebbe dovuto essere un movimento capace di cambiare l’Italia.

Dove vengono rimessi al centro del disegno politico i territori invece di schiacciarli.

Dove l’onestà che viene pretesa è prima di tutto quella intellettuale.

Dove non ci sono capi né padroni, né depositari della verità assoluta, ma tutto, oneri ed onori, è diffuso tra chi aderisce al progetto.

Dove i conflitti e i problemi vengono affrontati e gestiti con regole precise e trasparenti, senza patiboli mediatici.

Dove i territori e gli attivisti sono un bene prezioso su cui investire, da far crescere e con cui costruire azioni politiche concrete, senza lasciarli in un caos governato nell’ombra.

Dove la politica torna a diventare impegno quotidiano sul territorio e non mera attività divulgativa sul web di contenuti, che spesso, anche voi vi rifiutate di condividere perché sapete quanto siano distorti.

Dove invece di abbruttirsi e cercare di far leva sui peggiori istinti animali, si torna a parlare alle teste cercando di risvegliare le intelligenze.

Dove i problemi non vengono cavalcati con stucchevole mediaticità ma sono affrontati come ci eravamo detti fin dall’inizio: analisi pragmatica, individuazione della soluzione migliore per la comunità, proposta costruttiva.

Abbiate coraggio, uscite allo scoperto e provate a cambiare le cose. Non siate complici di un disegno che punta a sterilizzare il dissenso degli italiani che hanno votato per una forza che si proponeva di cambiare il Paese.

Massimo Artini, Marco Baldassarre, Eleonora Bechis, Samuele Segoni, Tancredi Turco

Condividi

Aggiungi un commento