Libia, Artini: Non si lasci il Governo di al-Serraj alla mercé di un signore della guerra

Libia“L’offensiva militare con cui le milizie del generale Haftar hanno catturato alcuni importanti centri petroliferi libici rischia di far sprofondare il paese in una nuova guerra civile. L’Europa deve mostrarsi unita nel sostenere il legittimo Governo di Accordo Nazionale il quale, sostenuto dall’ONU, rappresenta l’unica speranza per una soluzione stabile e unitaria della crisi libica”.

Lo afferma Massimo Artini, deputato di Alternativa Libera e vicepresidente della Commissione Difesa della Camera.

“Le forze che sostengono il Governo di Accordo Nazionale – prosegue Artini – si sono logorate nella battaglia per liberare Sirte dall’ISIS, uno sforzo militare richiesto loro dai paesi occidentali. Adesso non possiamo abbandonarle alla mercé di un signore della guerra: anche l’Italia deve essere pronta a dare il proprio concreto sostegno all’esecutivo di al-Serraj”.

“Purtroppo – conclude l’esponente di Alternativa Libera – ci sono Paesi che, più o meno segretamente, sostengono militarmente il generale Haftar e sono dunque in gran parte responsabili di questa grave situazione. Serve, pertanto, anche una forte iniziativa diplomatica, perché l’Europa deve avere una sola voce e muoversi compatta, almeno quando si tratta di affrontare una crisi internazionale”.

Condividi

Aggiungi un commento