Maltempo Veneto, Segoni: “Ok a mozione AL. Aiuto sacrosanto, ma bisogna cambiare lo schema della gestione emergenze”

Samu OKIl sostegno economico alle popolazioni colpite dal Veneto è sacrosanto e nella mozione di Alternativa Libera questo passaggio è doverosamente contenuto. Tuttavia, nel nostro testo si cerca di rompere uno schema che si ripete ogniqualvolta si affronta un’emergenza maltempo: un modus operandi che, nel tempo, si ripropone come un vero e proprio circolo vizioso.

Lo schema è sempre lo stesso: dopo ogni disastro c’è la corsa ad accaparrarsi l’attenzione dei Parlamentari o dei Ministri di turno, non deve esserci più un do ut des ma certezze e diritti per tutti. Cosa altro deve accadere per procedere con urgenza alla definizione di criteri oggettivi che garantiscano, in caso di future calamità naturali, parità di trattamento ai territori colpiti, in proporzione all’entità dei danni subiti?

Dunque, così facendo si sfuggirebbe allo schema classico dell’attivazione dei politici locali solo in occasione di episodi di simile gravità. Ci sono vari criteri possibili: basterebbe basarsi sull’entità dei danni accertati dalla Protezione Civile, parametrandoli con il PIL locale.

In questo modo, si potrebbero individuare soglie oggettive da stanziare in casi d’emergenza, facendo sfuggire alla discrezionalità della politica l’opportunità circa l’intervento o meno nelle zone interessate a colpi di mozioni o decreti. Agendo in questo modo si eliminerebbe questo tipo di ‘credito’ che i politici locali sfruttano spesso e volentieri in sede di campagna elettorale”.

Lo ha affermato Samuele Segoni, deputato di Alternativa Libera, intervenendo nell’Aula di Montecitorio a sostegno della Mozione approvata dall’Assemblea con 352 voti favorevoli e nessun contrario.

 

Condividi

Aggiungi un commento