Marra, Alternativa Libera: Il M5S è diventato peggio degli altri partiti, Grillo ripristini la meritocrazia

“Caro Beppe,
è ora di prendere atto che siete diventati come gli altri partiti, se non peggio.

L’arresto di Raffaele Marra, capo del personale del Comune di Roma, che segue di poche ore la sospensione dell’Assessore all’Ambiente della giunta Raggi, Paola Muraro per l’invio di un avviso di garanzia, spiegano più di ogni altra che cosa il tuo progetto ha un bug che sta rodendo il Movimento dall’interno.

Pochi giorni fa, tre deputati del 5 Stelle sono stati iscritti nel registro degli indagati della Procura di Palermo per delle firme false e loro, anziché fare chiarezza, si sono rifiutati di rispondere alle domande dei magistrati che li interrogavano. Per tutta risposta il Movimento è riuscito solo a sospendere questi tre, da cosa però, non si è capito.

Prima dello scandalo delle firme false a Palermo ne avete combinata un’altra che se fosse capitata ad un partito tradizionale, avrebbe suscitato tutte le vostre ire. Ti ricordi, infatti, quando Luigi Di Maio disse di non essere stato informato delle indagini in corso sulla Muraro, salvo poi essere smentito quando qualcuno diede ai giornali la e-mail che provava che il vostro candidato premier era stato messo al corrente dell’inchiesta?

Potremmo andare avanti a lungo con questo elenco di miserie a 5 stelle, ma non vogliamo inferire, vogliamo solo farti capire che il Movimento che ci fece nascere la voglia di fare politica in prima persona è stato ucciso da una gestione ottusa e familistica. In questi anni hai espulso a tuo piacimento, applicando le regole in modi sempre diversi, tutti coloro che non si piegavano supinamente alla volontà della tua cerchia di fedelissimi.

Alcuni sono stati buttati fuori perché sono andati in televisione senza la tua approvazione, ma altri che hanno violato regole etiche ben più importanti sono ancora lì a rappresentare gli elettori del Movimento, basta ricordare l’endorsement ad urne aperte di Riccardo Nuti per far eleggere Paola Sobbrio.

Hai costretto alle dimissioni un amministratore capace come Federico Pizzarotti, solo perché sosteneva la necessità di far maturare il 5 stelle.

Speriamo sia chiaro anche a te quanto ce ne fosse bisogno di far evolvere il Movimento, visto che in molti ruoli chiave avete messo dei fedelissimi incapaci. Oggi ne hanno addirittura arrestato uno, ma continuate a piazzare gente inadeguata in posizioni strategiche, con scelte completamente opache.

Eravamo il Movimento della meritocrazia e della trasparenza, oggi siete diventati un partito oligarchico dove la competenza è vista con sospetto e dove si riciclano i peggiori scarti delle altre forze politiche.

Beppe, ripristina la trasparenza, torna all’onestà, valorizza i migliori, fai largo alle persone competenti e apri il movimento alla società civile, solo così darai una chance all’Italia.

Intanto noi, come Alternativa Libera, continuiamo a perseguire quegli ideali, consentendo a tutti di partecipare in modo trasparente alle decisioni del nostro gruppo politico con la piattaforma di democrazia diretta Sinapsi”.

Condividi

Aggiungi un commento