Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in C:\inetpub\wwwsites\www.alternativalibera.org\web\wp-content\plugins\siteorigin-panels\inc\styles-admin.php on line 390 Nasce Alternativa Libera Pordenone dalla parte dei cittadini

Nasce “Alternativa Libera Pordenone” per rappresentare le istanze della cittadinanza partecipata

Pordenone 1L’associazione “Alternativa Libera Pordenone” nasce per dare un’opportunità di scelta differente nel panorama cittadino, che possa essere aperta, partecipata e di confronto sui temi importanti di governo del territorio.
Vogliamo diventare interlocutori della società civile che vive e opera nel territorio quotidianamente ed attivamente: ogni cittadino, con le sue peculiarità, interessi ed esperienze è portatore di istanze di miglioramento per la città.
Nel manifesto di Alternativa Libera ritroviamo principi per noi importanti come la difesa della Costituzione, delle libertà civili, dei diritti umani; temi che oggi sono continuamente messi in discussione, laddove si impedisce all’individuo di autodeterminarsi. In un clima sociale complesso, dove i rapporti tra le persone sono messi a dura prova per mancanza di politiche d’integrazione, di sostegno alle povertà e al lavoro, dove i diritti sociali sono contratti e l’ambiente non è tutelato a vantaggio economico di pochi, riteniamo doveroso assumerci la responsabilità di dare il nostro contributo per provare a cambiare rotta.
Alternativa Libera Pordenone, in quest’ottica, si prefigge di dare voce e partecipazione ai cittadini che fino ad ora non ne hanno avuta. Migliorare i servizi al cittadino. Informare i cittadini sui più significativi lavori dell’amministrazione comunale. Miriamo a ridare vita a una città e a un centro poco valorizzato che nel tempo è andato sempre più svuotandosi.
Si intende operare eliminando quegli aspetti scenografici, ma di scarsa o nulla efficacia introdotti con il nuovo Piano Regolatore, per studiarne di nuovi che possano ottenere realmente i risultati auspicati. Si punterà ad una valorizzazione dell’edificato esistente ed a un suo recupero ed efficientamento; in quest’ottica andranno analizzati e studiati interventi di ammodernamento e risparmio energetico degli edifici pubblici così da ridurne gli effettivi costi di gestione.
Il Presidente dell’associazione, Andrea Cancian
Condividi

Aggiungi un commento