Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in C:\inetpub\wwwsites\www.alternativalibera.org\web\wp-content\plugins\siteorigin-panels\inc\styles-admin.php on line 390 Il PD privatizza l'acqua, AL toglie le firme dalla PdL

Il PD vuole privatizzare l’acqua ed Alternativa Libera ritira le firme dalla proposta di legge: ecco il perché

Il sindaco di Firenze Matteo Renzi beve un bicchiere d'acqua alla convention dei rottamatori ''Big Bang'' alla stazione Leopolda, Firenze, 28 ottobre 2011. ANSA / CARLO FERRARO

Oggi abbiamo ritirato la nostra firma dalla proposta di legge di ripubblicizzazione del servizio idrico, scritta dal forum dei comitati e depositata dall’intergruppo parlamentare. Vi spieghiamo il perché… e come sono andate le cose.

Innanzitutto chiariamo che l’acqua è pubblica e questo nessuno lo mette in discussione. Il motivo del contendere è la sua gestione.

Un referendum, nel 2011, sancì che la gestione doveva essere fatta nell’interesse pubblico, senza che qualcuno (pubblico o privato non importa chi) potesse lucrare sulla gestione di un bene essenziale e comune. Da allora, nessun governo ha avuto il coraggio di dare seguito all’esito referendario, anzi hanno tutti legiferato appositamente per aggirarlo.

In Parlamento, alla Camera, è stata depositata una proposta di legge (scritta materialmente dal forum dei comitati) che corregge la rotta e recepisce pienamente l’esito referendario. Ed è stato creato un intergruppo parlamentare per promuoverla. Noi abbiamo firmato quella proposta di legge che è poi finalmente approdata in commissione.

È lì che, però, è successo l’irreparabile: con qualche emendamento mirato, il PD ha stravolto la legge, dando il via libera alla privatizzazione del servizio, alla mercificazione del bene e spianando la strada al profitto del gestore ai danni dei cittadini, per mezzo di bollette che, vedrete, saranno sempre più salate.

Come stanno facendo anche altre forze di opposizione, i deputati di Alternativa Libera hanno ritirando le proprie firme dalla proposta di legge: quello che verrà approvato sarà un atto arrogante della maggioranza che stravolge completamente il testo originale ed il volere di 27 milioni di italiani.

Condividi

Aggiungi un commento