Porto di Catania, Rizzetto: “Fare chiarezza sul bando per la darsena”

Darsena CT“Fare chiarezza sul bando relativo al maxi-appalto per la nuova darsena commerciale al Porto di Catania. Verificare la legittimità dell’assegnazione alla società costruttrice Tecnis e dei finanziamenti concessi”.

Lo chiede Walter Rizzetto, deputato di Alternativa Libera e vicepresidente della Commissione Lavoro, che sul tema ha depositato un’interrogazione al Ministro dei Trasporti.

Secondo Rizzetto infatti: “Si deve far luce sul perché la Tecnis abbia chiesto un credito di 27 milioni di euro e non di 19 milioni, cifra che doveva garantire il completamento dei lavori, e perché l’istituto di credito Dexia alla fine non abbia proceduto all’erogazione.

L’impresa, però, ha già chiesto il saldo di 27 milioni di euro e questa richiesta è stata soddisfatta in parte dal Governo, poiché il Ministro Padoan ha autorizzato l’erogazione di una prima tranche di oltre 8 milioni di euro”.

Rizzetto vuole sapere: “Perché l’impresa abbia richiesto questa somma e perché il Governo abbia avallato tale pretesa”. Secondo il deputato di Alternativa Libera, “sarebbe necessario che anche l’Autorità Anticorruzione intervenisse, perché la Tecnis sembra sia già coinvolta negli scandali sugli appalti che hanno portato alle dimissioni del Ministro Lupi e risulta indagata in altri affari riconducibili a Cosa Nostra, in particolare ai lavori della piattaforma stradale Corleonese -Agrigentina”.

Condividi

Aggiungi un commento