Ecco il regalo di Renzi alle province di Trento e Bolzano: 1,4 miliardi da spendere da oggi al 2030

trentoIn vista del referendum, Renzi elargisce un’ennesima mancetta elettorale. Però, questa volta, si fanno le cose in grande: è in arrivo un gran regalo da 1,4 miliardi. Non certo bruscolini, ma cosa non si fa per assicurarsi un in cabina elettorale.

La denuncia di Alternativa Libera di questa mossa firmata dall’ex sindaco di Firenze è stata raccolta dal Fatto Quotidiano, che ne ha dato ampio spazio all’interno della propria edizione cartacea.

Questa volta tocca alle due province autonome di Trento e Bolzano finire sul “libro paga” dell’esecutivo. Infatti, grazie a un emendamento del governo all’articolo 65 della legge di Bilancio, si dispone come, da qui al 2030, ai due enti vengano assegnati “spazi finanziari” di 70 milioni di euro, cada uno, per il 2017, 50 milioni di euro, cada uno, dal 2018 al 2030.

Traduzione: ogni anno, i due enti avranno ulteriori risorse in bilancio da utilizzare, in barba al Patto di Stabilità, il vincolo che non consente agli enti locali di spendere gli avanzi di amministrazione.

Quel che più fa riflettere è che il governo Renzi, anziché riscrivere le norme del patto di stabilità interno a beneficio di tutto il Paese, continua a fare piaceri mirati a far crescere il suo consenso solo a favore di determinate comunità, invece di risolvere i problemi di tutti.

Condividi

Aggiungi un commento