Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in C:\inetpub\wwwsites\www.alternativalibera.org\web\wp-content\plugins\siteorigin-panels\inc\styles-admin.php on line 390 Sanità, Baldassarre: "Tagli Governo aumentano clientelismo"

Sanità, Baldassarre: “I tagli del Governo al SSN aumentano le clientele della politica”

SanitaIl Governo ha previsto un taglio dei trasferimenti al Servizio Sanitario Nazionale pari a 2,3 miliardi e tale scelta non potrà che acuire le differenze, già esistenti, tra i servizi sanitari offerti ai cittadini delle diverse Regioni. La scelta di operare tagli lineari sulle prestazioni non può che colpire le fasce più deboli della società che dovranno rinunciare a curarsi, segnando così l’abbandono, di fatto, del principio di universalismo sanitario. Tali decisioni rischiano, inoltre, di incrementare il tragico fenomeno del turismo sanitario.

In alternativa alle decisioni governative, proponiamo un utilizzo più razionale dei risparmi che deriveranno della scelte normative fatte, ovvero  investire i 2,3 miliardi provenienti dai tagli lineari, per rafforzare quelle regioni i cui sistemi sanitari non sono assolutamente capaci di assicurare i LEA e di rispondere ai bisogni della popolazione”.

Lo afferma Marco Baldassarre, deputato di Alternativa Libera, presentando la mozione della componente per assicurare adeguate risorse al Servizio Sanitario Nazionale.

“Voglio sottolineare – prosegue Baldassarre – come il vostro approccio alla Sanità non sia assolutamente condiviso dai cittadini, l’esempio più lampante è rappresentato da quanto sta accadendo in questi giorni in Toscana, dove il governatore Rossi ha varato una riforma che prevede il taglio dei posti letto e l’accentramento dei servizi sanitari presso le grandi città.

Il disegno del presidente della Regione Toscana è quello dei cancellare progressivamente il servizio sanitario nazionale per dirottare i pazienti verso il privato sociale, per la gioia delle cooperative che sono pronte a spartirsi il business della salute. E se i privati cresceranno nel settore della sanità crescerà anche il potere clientelare del governatore Rossi visto che le assunzioni nelle società private non si fanno per concorso come nel pubblico ma su chiamata diretta. Per evitare tutto ciò i cittadini della Toscana, fino al 25 ottobre, raccoglieranno le firme  per proporre un referendum abrogativo per cancellare la riforma di Rossi”.

“Per questi motivi, la componente di Alternativa Libera chiede al Governo di istituire la Commissione di Controllo per la verifica dell’adeguatezza dei servizi resi a livello regionale al fine di garantire l’effettivo soddisfacimento dei cittadini riguardo i servizi sanitari effettivamente loro forniti. Inoltre vorremmo che le prestazioni  offerte dal Servizio Sanitario Nazionale non siano valutate con il solo riferimento ai criteri di efficienza efficacia e economicità, ma anche introducendo tra i parametri valutativi l’effettiva garanzia di fornitura dei livelli essenziali di assistenza ovvero le prestazioni e i servizi che il Servizio sanitario nazionale è tenuto a fornire a tutti i cittadini.

Pertanto chiediamo di completare il programma di informatizzazione del Sistema sanitario nazionale previsto dall’articolo 14 del Patto per la salute, entro e non oltre le scadenze programmate dall’Agenda digitale, con particolare riferimento al fascicolo sanitario elettronico, alle ricette digitali, alla dematerializzazione di referti e cartelle cliniche e alle prenotazioni e ai pagamenti  online”, conclude Baldassarre.

Condividi

Aggiungi un commento