Scuole, Turco: “Le proroghe nel disegno di legge sono illegali. Inviata una segnalazione ad ANAC e Procura”

Turco“Il Governo ha a disposizione circa 550 milioni l’anno per pagare le società che fanno le pulizie nelle scuole pubbliche, ma anziché procedere alle assunzioni di bidelli, preferisce continuare a pagare le ditte appaltatrici. Senza contare il fatto che alcune di queste imprese sono finite nelle maglie dell’inchiesta su Mafia Capitale e che altre sono state multate dall’antitrust perché si sono spartite illegalmente appalti per la pulizia degli istituti scolastici che valgono più di 1,5 miliardi di euro.

A questo va aggiunta la considerazione che la legge vieta la proroga degli appalti, che questo governo ha già prorogato lo scorso mese di luglio e che con il provvedimento approvato oggi si prorogano fino all’anno scolastico 2016/17. Tutto questo sarebbe stato sufficiente per far capire a chiunque che questa legge è sbagliata e illegale.

Peccato che il governo Renzi e la maggioranza che lo sostiene abbiano evidenti problemi di comprendonio, visto che tutto quello che noi diciamo da quasi un anno è stato segnalato dall’Autorità Nazionale Anticorruzione al Parlamento appena due mesi fa, per chiedere di mettere la parola fine alla vergognosa prassi delle proroghe, e la risposta dell’esecutivo è stata una nuova sfilza di proroghe che oggi sono state ratificate. Proroghe che, sia ben chiaro a tutti, sono illegali e che, oltre ad impedire l’assunzione diretta dei bidelli da parte delle scuole, tengono fuori da questo mercato le imprese oneste che potrebbero sperare di aggiudicarsi gli appalti per la pulizia delle scuole.

Per tutti questi motivi il gruppo di Alternativa Libera-Possibile ha votato contro questo disegno di legge e ha inviato una nuova segnalazione all’Autorità Nazionale Anticorruzione e alla Procura della Repubblica di Roma perché quello che è avvenuto oggi alla Camera è illegale e danneggia il Paese”.

Lo afferma Tancredi Turco, deputato di Alternativa Libera.

Condividi

Aggiungi un commento