Segoni: Un miliardo in più sulle bollette degli italiani, interrogazione a Calenda per sollecitare la restituzione

Un miliardo in più sulle bollette degli italiani, un miliardo di guadagno in sei mesi per ENEL e Sorgenia. È questo il prezzo dello “scherzetto” che i due operatori elettrici avrebbero tirato ai cittadini per aver “tenuto spente” le proprie centrali in Puglia nel primo semestre del 2016.

Samuele Segoni, nella giornata di domani, chiederà spiegazioni al Ministero dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, con un’interrogazione parlamentare a risposta scritta per domandare al governo quali iniziative intenda assumere per sanare la situazione.

Il fulcro su cui verte l’interrogazione è rappresentato da questo aspetto: nonostante sia da imputare ai due produttori il costo degli extra-oneri emersi, ad essi non è stata chiesta alcuna restituzione dei relativi profitti.

Condividi

Aggiungi un commento