Aree protette, Alternativa Libera: Stop alla norma che salva gli abusi edilizi nei parchi

“Apprendiamo che il presidente della Commissione Ambiente della Camera, Ermete Realacci, dopo avere fatto approvare dalla sua commissione due norme ammazza-ambiente, contenute nella legge sulle aree protette, abbia detto di voler approfondire la questione.

Infatti, fino a pochi giorni fa, lo stesso Realacci avrebbe potuto correggere il testo, ma ha deciso di fare finta di nulla e di non appoggiare i nostri emendamenti che avrebbero risolto il problema, salvo poi fare marcia indietro quando la questione è arrivata sulla stampa.

Il problema è che nella legge ci sono due gravissime previsioni che vanno contro la tutela dell’ambiente, la prima; stabilisce che spetti alle Giunte comunali il potere di disporre gli abbattimenti dei manufatti abusivi che sorgono nelle aree naturali protette, anziché ai Prefetti. Una differenza di non poco conto visto che, difficilmente le giunte elette dai cittadini, voteranno le demolizioni della case dei loro stessi elettori, problema che invece non si porrebbe se a decidere gli abbattimenti fossero, come avveniva in passato, i Prefetti.

L’altra questione che il presidente della Commissione Ambiente della Camera, dice di voler approfondire dopo averla fatta approvare, riguarda la possibilità di scaricare acque inquinate nella aree marine protette, purché tali liquidi inquinanti rientrino nelle soglie previste dalla legge. Una previsione, quest’ultima, che è decisamente peggiorativa rispetto alle norme attualmente vigenti che vietano tassativamente lo scarico di qualsiasi emissione inquinante nelle aree protette, a prescindere dalla quantità di sostanze tossiche contenute.

Speriamo che il ravvedimento tardivo di Realacci serva realmente a cancellare queste due norme ammazza-ambiente, altrimenti significherà che a lui della ambiente non importa assolutamente niente”.

Lo affermato i deputati di Alternativa Libera: Massimo Artini, Marco Baldassarre, Eleonora Bechis, Samuele Segoni e Tancredi Turco

 

Condividi

Aggiungi un commento