Tribunale Milano, Rizzetto: “Solitudine istituzionale. Si devono impiegare risorse”

Strage MI“La strage del Tribunale di Milano pone problemi di sicurezza anche per il futuro. Se è vero che siamo in presenza di uno stato di massima allerta, come è possibile che una persona armata possa rendersi autore indisturbato di una strage in un luogo che dovrebbe essere ad altissima protezione?

Che senso ha allestire una rete di controllo ad alta efficienza per l’Expo o per il Giubileo, con una delocalizzazione dalle regioni del personale di pubblica sicurezza, se poi quasi si azzerano i controlli nei luoghi in cui viene amministrata e garantita la giustizia ai cittadini?”.

L’ha detto Walter Rizzetto, deputato di Alternativa Libera, nel suo intervento dopo l’informativa del ministro Orlando.

Secondo Rizzetto: “Siamo di fronte ad un fenomeno di ‘solitudine istituzionale’. Grave errore è lasciare soli i magistrati e tutto il personale della giustizia, come spesso accade, perché è fondamentale proteggere la loro incolumità. Per fare questo, è necessario impiegare e non togliere risorse, come invece si sta facendo, ad esempio, verso gli idonei, forze pronte a un impiego immediato.

È indispensabile – ha concluso – incrementare la sicurezza, impegnando le forze di polizia, le quali meritano risposte certe in tempi brevi, come ricordato dalle diverse organizzazioni sindacali”.

Condividi

Aggiungi un commento