Warning: "continue" targeting switch is equivalent to "break". Did you mean to use "continue 2"? in C:\inetpub\wwwsites\www.alternativalibera.org\web\wp-content\plugins\siteorigin-panels\inc\styles-admin.php on line 390 Trivelle, AL-Possibile: "Bene Emiliano, ora scateniamo l’inferno"

Trivelle, Alternativa Libera-Possibile: “Bene Emiliano, ora scateniamo l’inferno”

Emiliano“Siamo contenti che il governatore della Puglia, Michele Emiliano, abbia deciso di schierarsi contro le menzogne del Governo sulle trivellazioni petrolifere e ora sia sceso sul piede di guerra.

In sede di discussione della legge di Stabilità, Alternativa Libera-Possibile aveva denunciato la manovra dell’Esecutivo che, al solo scopo di annullare i referendum, aveva finto di bloccare le trivelle in mare per poi invece farle agire indisturbate sotto la protezione di Palazzo Chigi, togliendo ogni potere in merito alle Regioni.

I nostri emendamenti sono stati respinti e sembrava che il nostro appello fosse destinato a infrangersi contro un muro di indifferenza. Forse, ora che il doppio gioco del Governo è stato scoperto e Emiliano si dice pronto a scatenare l’inferno se Renzi non farà marcia indietro, non rimarremo delle cassandre inascoltate.

Speriamo che i presidenti delle altre Regioni che hanno sostenuto la battaglia referendaria sulle trivelle si uniscano al nostro invito e appoggino il governatore della Puglia contro questo atteggiamento irresponsabile dell’Esecutivo nei confronti del popolo italiano.

Quello che fa specie è come oggi alcuni parlamentari del Partito Democratico, tra cui la senatrice Stefania Pezzopane, che pure hanno votato la legge di stabilità, scoprano la truffa del Governo sulle trivellazioni e dichiarino di voler cambiare la norma. Ci auguriamo che, da oggi in poi, i parlamentari del Partito Democratico inizino a leggere le leggi prima di votarle”.

Lo affermano i deputati di Alternativa Libera-Possibile: Marco Baldassarre, Pippo Civati, Massimo Artini, Luca Pastorino, Samuele Segoni, Eleonora Bechis, Tancredi Turco, Andrea Maestri, Toni Matarrelli e Beatrice Brignone.

Condividi

Aggiungi un commento